DSP: una dose di potenza extra per l’elaborazione dei flussi audio

UAD2 satellite

di: Andrea Marchetti

Da ormai diversi anni le tecnologie informatiche applicate al mondo musicale hanno visto l’avvento di hardware appositamente realizzate per l’elaborazione dei segnali audio, tali dispositivi vengono in genere chiamate schede acceleratrici (poi capiremo il perché N.D.R.) all’interno delle quali troviamo appunto i DSP.

Ma che cos’è un DSP? 

Un DSP, acronimo di Digital Signal Processor, è un chip ottimizzato e sviluppato appositamente per essere in grado di svolgere, in maniera molto rapida ed efficiente, un numero ristretto di istruzioni in maniera ricorrente. In generale possiamo considerare i DSP come dei processori ottimizzati che dispongono delle opportune tecnologie per trattare segnali di tipo continuo (analogici) dopo che questi siano stati campionati (digitali).

I DSP nel campo musicale: applicazioni pratiche

Abbiamo appena detto che un DSP è praticamente un processore dedicato all’elaborazione di segnali campionati, risultano quindi particolarmente adatti ad essere utilizzati in campo audio, in particolare per l’elaborazione dei flussi in ingresso e in uscita dalla nostra DAW, dove la quantità di calcolo è spesso notevole.

Affiancando quindi un DSP al processore del computer sul quale stiamo eseguendo il nostro software musicale si ottiene non solo un alleggerimento del carico di lavoro sulla CPU, e di conseguenza un miglioramento delle prestazioni della macchina, ma anche la possibilità di processare, mediante ad esempio degli effetti digitali, in “real-time” i segnali audio uscenti ed entranti.

DSP

In pratica, come si vede nella figura qui sopra, il DSP viene posizionato tra il convertitore A/D e quello D/A, questo è quindi in grado di lavorare sul segnale campionato effettuando tutta quella serie di operazioni che altrimenti sarebbero andate a gravare sulla CPU.

Come posso integrare un DSP con il mio computer?

Ora che abbiamo capito qual è lo scopo di utilizzo di un DSP, vediamo in che modo possiamo integrarli con il nostro computer.

Generalmente i DSP si trovano in commercio sotto due forme:

  • Schede acceleratrici – queste sono dei dispositivi hardware che contengono al loro interno solo il DSP e che possono essere collegati al computer per mezzo di un cavo o tramite opportuni slot integrati nelle macchine
  • Schede audio con DSP – in questi dispositivi vengono combinati il processore e l’elemento fondamentale della produzione musicale basata su computer: la scheda audio

Pregi e difetti di schede acceleratrici e schede audio con DSP

Per poter scegliere in maniera opportuna tra l’acquisto di una scheda acceleratrice e una scheda audio con DSP integrato è necessario a questo punto definire innanzitutto qual è il livello di prestazioni a cui vogliamo arrivare, inoltre è bene tener presente che l’acquisto di scheda acceleratrice e scheda audio separate comporta inevitabilmente un costo iniziale maggiore rispetto all’acquisto di una scheda con DSP integrato (stiamo parlando comunque di prodotti con lo stesso livello qualitativo, quindi escludiamo tutti quei casi in cui viene acquistato uno dei due prodotti di livello medio-basso e uno di livello altissimo). Tuttavia, nel momento in cui abbiamo necessità di migliorare le prestazioni offerte dal nostro sistema sarà molto più semplice (e inevitabilmente economico) fare un upgrade del DSP nel caso in cui quest’ultimo sia un’entità autonoma, e separata dalla scheda audio: sarà quindi sufficiente cambiare solo il DSP e non l’intero blocco. Questo fattore diventa ancor più significativo se disponiamo di una scheda audio formata da preamplificatori e convertitori A/D-D/A separati.

Fin qui…è una bella favola…ma dov’è il trucco?

Non tutte le operazioni che avvengono durante l’utilizzo di una DAW possono essere affidate al DSP, in particolare, generalmente, questi sono in grado di funzionare esclusivamente con effettistica e strumenti virtuali appositamente realizzati per funzionare con quel determinato DSP, risulta quindi fondamentale scegliere in maniera accurata l’hardware che si andrà ad acquistar,e anche in funzione degli eventuali VST e VSTi che potranno essere utilizzati in accoppiata con il nostro nuovo acquisto!!